cardioaspirina e motocross

Tutto quello che riguarda la preparazione fisica,acciacchi rimedi ecc...
con o senza moto!!!

Re: cardioaspirina e motocross

Messaggio da leggereda tnt » gio lug 19, 2018 9:17 pm

lawnmover ha scritto:
franci700 ha scritto:
sono alla soglia dei 45 e queste cose inizio anche a considerarle, non si sa mai. Hai voglia di argomentare? Semrpe che non siano cose troppo personali...

CHe si intende con FOP, shunt ecc? Scusa la mia ignoranza... Ti sei sentito male durante l'attivita' fisica?


posto che c'è chi è del mestiere (Vascular) che può rispondere molto meglio di me....per quello che posso spiego.

Mi sono sentito male di mattina, a casa,20 minuti dopo il risveglio, mentre seduto sul divano vestivo mia figlia di 4 anni prima di portarla all'asilo.
ho avvertito un senso di vetrigine passato immediatamente, contemporaneamente una fitta sopra l'orecchio sx, passata anche quella subito..e poi un fortissimo formicolio che dalla spalla dx scendeva fino alle dita. mi ha lasciato con il braccio dx paralizzato e insensibile dal gomito in giù.
in ospedale dopo varie peripezie hanno riscontrato 4 lesioni ischemiche alla zona mediale corticale del cervello.

la insensibilità/paralisi è andata migliorando per risolversi quasi del tutto in 48 ore.

mi hanno sottoposto nell'ordine a:

TAC
Angio TAC con contrasto
50 ore di monitoraggio cardiaco
ecografia con soluzione agitata e manovra di Valsava ( serve a mettere sotto sforzo il sistema cardiocircolatorio) in cerca di FOP (Forame Ovale Pervio)
altra TAC

dimissione

Risonanza magnetica con e senza contrasto

Ecocardiogramma transesofageo

Ricovero per ulteriori accertamenti
Rachicentesi
Ecocolordoppler con soluzione agitata e manovra di Valsava

hanno trovato un forame ovale pervio, che è una patologia congentia del cuore molto diffusa ( il 25% della popolazione ce l'ha, quasi sempre non consapevole del fatto).
Praticamente un buco di passaggio tra il ventricolo destro e il sinistro, che tutti abbiamo in utero, non si chiude come dovrebbe dopo la nascita, permettendo un passaggio di sangue venoso nel sistema arterioso senza passare dai polmoni che lo ossigeneno e "filtrano" eventuali emboli (bolle di gas) o trombi (coaguli sanguigni)

Questo avviene normalmente in senso sx-dx ( da arterioso a venoso in quanto la pressione arteriosa è lievemente maggiore) e prende il nome di "shunt"

sotto sforzo, cosa che verificano con la manovra di valsava, la pressione venosa aumenta, provocando un'inversione dello shunt da sx-dx a dx-sx.

se è di entità importante, come nel mio caso, potrebbe permettere il passaggio di emboli o trombi dal circolo venoso all'arterioso, provocando, come nel mio caso un ictus.

rimediano inserendo un "ombrellino" in rete nichel-titano nel buco tra i due ventricoli. il tessuto cardiaco lo "ingloba" in circa 6 mesi chiudendo del tutto, e in via definitiva il passaggio.


P.S.....ho 42 anni,185x 84 kg, non fumo, non bevo, ho gli esami ematici di un atleta con colesterolo a 158 di cui l'LDL a 65 , e sono brachicardico e non iperteso...
ma ...come vedi...non si può mai dire.

Minkia.....vado a farmi controllare....
tnt
 
Messaggi: 3409
Iscritto il: lun lug 09, 2012 1:52 pm
Località: alla piratella

Re: cardioaspirina e motocross

Messaggio da leggereda franci700 » ven lug 20, 2018 2:25 pm

lawnmover ha scritto:
franci700 ha scritto:
sono alla soglia dei 45 e queste cose inizio anche a considerarle, non si sa mai. Hai voglia di argomentare? Semrpe che non siano cose troppo personali...

CHe si intende con FOP, shunt ecc? Scusa la mia ignoranza... Ti sei sentito male durante l'attivita' fisica?


posto che c'è chi è del mestiere (Vascular) che può rispondere molto meglio di me....per quello che posso spiego.

Mi sono sentito male di mattina, a casa,20 minuti dopo il risveglio, mentre seduto sul divano vestivo mia figlia di 4 anni prima di portarla all'asilo.
ho avvertito un senso di vetrigine passato immediatamente, contemporaneamente una fitta sopra l'orecchio sx, passata anche quella subito..e poi un fortissimo formicolio che dalla spalla dx scendeva fino alle dita. mi ha lasciato con il braccio dx paralizzato e insensibile dal gomito in giù.
in ospedale dopo varie peripezie hanno riscontrato 4 lesioni ischemiche alla zona mediale corticale del cervello.

la insensibilità/paralisi è andata migliorando per risolversi quasi del tutto in 48 ore.

mi hanno sottoposto nell'ordine a:

TAC
Angio TAC con contrasto
50 ore di monitoraggio cardiaco
ecografia con soluzione agitata e manovra di Valsava ( serve a mettere sotto sforzo il sistema cardiocircolatorio) in cerca di FOP (Forame Ovale Pervio)
altra TAC

dimissione

Risonanza magnetica con e senza contrasto

Ecocardiogramma transesofageo

Ricovero per ulteriori accertamenti
Rachicentesi
Ecocolordoppler con soluzione agitata e manovra di Valsava

hanno trovato un forame ovale pervio, che è una patologia congentia del cuore molto diffusa ( il 25% della popolazione ce l'ha, quasi sempre non consapevole del fatto).
Praticamente un buco di passaggio tra il ventricolo destro e il sinistro, che tutti abbiamo in utero, non si chiude come dovrebbe dopo la nascita, permettendo un passaggio di sangue venoso nel sistema arterioso senza passare dai polmoni che lo ossigeneno e "filtrano" eventuali emboli (bolle di gas) o trombi (coaguli sanguigni)

Questo avviene normalmente in senso sx-dx ( da arterioso a venoso in quanto la pressione arteriosa è lievemente maggiore) e prende il nome di "shunt"

sotto sforzo, cosa che verificano con la manovra di valsava, la pressione venosa aumenta, provocando un'inversione dello shunt da sx-dx a dx-sx.

se è di entità importante, come nel mio caso, potrebbe permettere il passaggio di emboli o trombi dal circolo venoso all'arterioso, provocando, come nel mio caso un ictus.

rimediano inserendo un "ombrellino" in rete nichel-titano nel buco tra i due ventricoli. il tessuto cardiaco lo "ingloba" in circa 6 mesi chiudendo del tutto, e in via definitiva il passaggio.


P.S.....ho 42 anni,185x 84 kg, non fumo, non bevo, ho gli esami ematici di un atleta con colesterolo a 158 di cui l'LDL a 65 , e sono brachicardico e non iperteso...
ma ...come vedi...non si può mai dire.



Ti ringrazio per la risposta.
Tendenzialmente sono uno che si fa controllare parecchio ma, a quanto pare, non si puo' mai dire. Posso solo immaginare lo spavento che si possa provare in certe situazioni, io credo che andrei in paranoia totale. Spero di trovarti in pista quanto prima!!!

Un saluto.
Avatar utente
franci700
 
Messaggi: 289
Iscritto il: mar nov 07, 2017 8:03 pm
Località: Adenau Forst

Re: cardioaspirina e motocross

Messaggio da leggereda lawnmover » ven lug 20, 2018 9:42 pm

franci700 ha scritto:Ti ringrazio per la risposta.
Tendenzialmente sono uno che si fa controllare parecchio ma, a quanto pare, non si puo' mai dire. Posso solo immaginare lo spavento che si possa provare in certe situazioni, io credo che andrei in paranoia totale. Spero di trovarti in pista quanto prima!!!

Un saluto.


di nulla, figurati!
Spavento? no...sarà che pensavo a portare mia figlia all'asilo e poi andare al prontosoccorso...sarà che sono un tipo che difficilmente perde il controllo, anzi, tendo sempre ad analizzare freddamente la situazione ( i medici..quando gli spiegavo i sintomi e cosa avevo provato..erano tutti increduli per l'accuratezza e completezza delle mie risposte)

in pista non ci posso tornare per almeno altri 8 mesi... ( se va bene mi operano a settembre e da lì partono i 6 mesi di "Tranquillità postoperatoria")..ma da marzo in poi... :e00d: :e010: :e010: :e010: :e010:
Avatar utente
lawnmover
 
Messaggi: 694
Iscritto il: gio mag 22, 2014 6:47 pm
Località: Vigevano

Re: cardioaspirina e motocross

Messaggio da leggereda franci700 » sab lug 21, 2018 11:20 am

lawnmover ha scritto:
franci700 ha scritto:Ti ringrazio per la risposta.
Tendenzialmente sono uno che si fa controllare parecchio ma, a quanto pare, non si puo' mai dire. Posso solo immaginare lo spavento che si possa provare in certe situazioni, io credo che andrei in paranoia totale. Spero di trovarti in pista quanto prima!!!

Un saluto.


di nulla, figurati!
Spavento? no...sarà che pensavo a portare mia figlia all'asilo e poi andare al prontosoccorso...sarà che sono un tipo che difficilmente perde il controllo, anzi, tendo sempre ad analizzare freddamente la situazione ( i medici..quando gli spiegavo i sintomi e cosa avevo provato..erano tutti increduli per l'accuratezza e completezza delle mie risposte)

in pista non ci posso tornare per almeno altri 8 mesi... ( se va bene mi operano a settembre e da lì partono i 6 mesi di "Tranquillità postoperatoria")..ma da marzo in poi... :e00d: :e010: :e010: :e010: :e010:



:e010: :e010: :e010: :e010: Sempre!!!
Avatar utente
franci700
 
Messaggi: 289
Iscritto il: mar nov 07, 2017 8:03 pm
Località: Adenau Forst

Re: cardioaspirina e motocross

Messaggio da leggereda rikoing » dom ago 02, 2020 10:10 am

cavolo io ho 66 anni compiuti e non trovo nessuno che mi dica con chiarezza che controlli fare
di mia iniziativa metto fascia cardio faccio gare epoca ed esordienti durata circa 18 minuti arrivo con temperatura esterna di 32-33° a 175 pulsazioni sotto sforzo,in allenamento sono a 162-165 dopo circa 10 minuti
recupero bene a non ho particolari disturbi
qualche consiglio???
rikoing
 
Messaggi: 347
Iscritto il: ven nov 04, 2011 2:17 pm

Re: cardioaspirina e motocross

Messaggio da leggereda vascular67 » dom ago 02, 2020 2:54 pm

rikoing ha scritto:cavolo io ho 66 anni compiuti e non trovo nessuno che mi dica con chiarezza che controlli fare
di mia iniziativa metto fascia cardio faccio gare epoca ed esordienti durata circa 18 minuti arrivo con temperatura esterna di 32-33° a 175 pulsazioni sotto sforzo,in allenamento sono a 162-165 dopo circa 10 minuti
recupero bene a non ho particolari disturbi
qualche consiglio???


Non andare mai dal medico sennò qualcosa te la trova!!!!! Scappa.... :D
Avatar utente
vascular67
 
Messaggi: 4661
Iscritto il: lun mag 03, 2010 4:39 pm
Località: Italy

Precedente

Torna a PREPARAZIONE FISICA

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite